SISTRI: proroga in parlamento


AGGIORNAMENTO:   LA PROROGA E’ UFFICIALE:

Riciclo

AGGIORNAMENTO: LA PROROGA E’ UFFICIALE. 25/02/2010 ore 16:00 Il Milleproghe è legge:  il decreto è stato  licenziato oggi da palazzo Madama in via definitiva. I voti a favore sono stati 134, i contrari 99 e 4 gli astenuti. Il provvedimento è lievitato nei vari passaggi parlamentari e il testo si compone ora di oltre 150 commi con le misure più diverse. INCLUDE LA PROROGA DEL SISTRI  E DEI TERMINI DI ISCRIZIONE.

ECCO LA PROROGA - il 15 Febbraio 2010, il Senato ha accordato la fiducia al Governo approvando il maxiemendamento interamente sostitutivo dell’articolo unico del ddl n. 1955 di conversione in legge del decreto-legge 30 dicembre 2009, n. 194, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative, il c.d. MILLEPROROGHE.

L’esame del ddl passa quindi alla Camera dei deputati per la seconda lettura. L’approvazione pare scontata.

Contenuto della modifica:

  • Viene parificata al 30 marzo prossimo l’ultima data utile per l’iscrizione di TUTTI i soggetti obbligati (in ogni caso, attualmente, chi non dovesse iscriversi non rischierebbe nulla, visto che non sono previste sanzioni…).
  • Viene modificata  l’attuale definizione di delegato riportandola nel giusto ambito di “referente” e non di “responsabile”.
  • Vengono differiti di un anno i tempi di attivazione del sistema di gestione conseguente.

.

I NUOVI TERMINI:

L’utilizzo della modalità telematica per la gestione dei rifiuti verrebbe spostato al 13 gennaio 2011 per i produttori di rifiuti pericolosi che hanno da 11 a 50 dipendenti; al 13 luglio 2011 per i produttori di rifiuti pericolosi con meno di 11 dipendenti e per i produttori di rifiuti speciali non pericolosi che ne producono oltre le 10 tonnellate annue; al 13 gennaio 2012 per i produttori di rifiuti non pericolosi che hanno più di 11 dipendenti. Rimane facoltativa, invece, l’iscrizione al SISTRI per i produttori di soli rifiuti non pericolosi e che hanno sino a 10 dipendenti.

.

Ecco il testo della proroga approvata:

Conversione in legge del decreto-legge 30 dicembre 2009, n. 194, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative approvato con il nuovo titolo “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 30 dicembre 2009, n. 194, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative”

Dopo il comma 4, aggiungere, in fine, il seguente:

“4-bis. L’articolo 1, comma 1, del Decreto del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, 17 dicembre 2009, è sostituito dal seguente:
“1. Il sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, nel seguito detto anche SISTRl, gestito dal Comando carabinieri per la Tutela dell’Ambiente, è operativo:
a) dal centottantesimo giorno dalla data di entrata in vigore del presente decreto per i produttori iniziali di rifiuti pericolosi ivi compresi quelli di cui all’articolo 212, comma 8, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 ? con più di 50 dipendenti, per i commercianti e gli intermediari, per i consorzi istituiti per il recupero e il riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti che organizzano la gestione di tali rifiuti per conto dei consorziati, nonché per le imprese di cui all’articolo 212, comma 5, del decreto legislativo n. 152 del 2006 che raccolgono e trasportano rifiuti speciali, per le imprese e gli enti che effettuano operazioni di recupero e smaltimento di rifiuti e per i soggetti di cui all’articolo 5, comma 10, del presente decreto.
b) dopo 12 mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto per le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi ? ivi compresi quelli di cui all’articolo 212, comma 8, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 ? con un numero di dipendenti compreso tra 11 e 50.
c) dopo 18 mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto per le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi ? ivi compresi quelli di cui all’articolo 212, comma 8, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 ? con meno di 11 dipendenti e per le imprese e gli enti di cui all’articolo 184, comma 3, lettere c), d) e g) del medesimo decreto legislativo n. 152 del 2006, che producono oltre 10 tonnellate annue di rifiuti non pericolosi e con un numero di dipendenti superiore a undici.
d) dopo 24 mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto per le imprese e gli enti di cui all’articolo 184, comma 3, lettere c), d) e g) del medesimo decreto legislativo n. 152 del 2006, che producono meno di 10 tonnellate annue di rifiuti non pericolosi e con un numero di dipendenti superiore a undici”.»

.

.Per conoscere i nostri servizi relativi al SISTRI, CLICCA QUI

.

Articolo originale:

Si fanno sempre più insistenti ed autorevoli le voci che annunciano una prossima ed opportuna proroga per i termini di iscrizione al sistema SISTRI.

La proroga è essenziale poichè mancano numerosi decreti attuativi e chiarimenti ufficiali per garantire l’esatto adempimento.

Per conoscere i nostri servizi relativi al SISTRI, CLICCA QUI

Come di consueto, appena ci sarà l’ufficialità della proroga, ne daremo notizia.

, , , , , ,

I commenti sono chiusi.

Il sito della SGST S.r.l. e quello correlato della sua Piattaforma Corsi multimediali (http://www.studiobernieri.com/mo) utilizzano cookies tecnici e di terze parti. Pigiando il pulsante OK o semplicemente proseguendo nella navigazione sul nostro sito si acconsente all'utilizzo dei cookies e si accetta la relativa privacy policy.
Per maggiori informazioni sui cookies utilizzati e sulla privacy policy del sito fare click qui: